martedì 29 novembre 2011

Coniglio nano


Ciao amici, eccomi tornato sul blog e come promesso vi parlerò del simpatico amico che si è aggiunto nella nostra famiglia. A dire il vero uno dei due nuovi amici... ma di Poppy parleremo un'altra volta.
Leopoldo è un coniglio nano ariete, un simpatico amico da tenere in casa e che allieterà le vostre giornate.
Passiamo all'analisi un pò più approfondita di questo animaletto e ad alcuni consigli che possono aiutarvi nella sua "gestione".


Il coniglio (Oryctolagus cuniculus) è considerato un buon animale da compagnia, ben adattabile, docile, socievole, pulito, di dimensioni contenute se di varietà nana, semplice da allevare, che può superare, se correttamente gestito, i 7 anni di vita.
Non è un roditore, come a volte si ritiene, ma un mammifero lagomorfo, simile alle lepri e strettamente erbivoro. I conigli selvatici sono coloniali e possiedono gerarchie ben definite. Vivono di solito in gruppi, in tane sotterranee, dove trascorrono gran parte della giornata. Per questo in cattività deve sempre essere presente un nascondiglio dove il coniglio trascorrerà gran parte della giornata.
In natura il coniglio è un animale crepuscolare, cioè si muove più che altro la mattina presto e la sera per andare alla ricerca del cibo. E’ normale, pertanto, vederli riposare e dormire durante il giorno, distesi sull’addome o sul fianco, con arti posteriori allungati all’indietro. Per rispettare quindi la natura di questi animali è consigliabile alimentarli al mattino e di sera.
Se allevati insieme si evidenziano rapporti sociali simili a quelli osservabili nei soggetti in libertà: si affezionano l’un l’altro, dormono vicini, si puliscono reciprocamente e possono essere subordinati o dominare tra loro o nei confronti di altri animali domestici e del proprietario stesso. La pulizia reciproca è segno di affetto e di dominanza.( tratto da http://www.allevamentoconigliarietenano.it)
Alimentazione:
Il coniglio è strettamente erbivoro, in natura si nutre di erba, foglie, fieno, germogli, fiori, cortecce e vari alimenti vegetali che trova nel territorio.
L'alimentazione del coniglio deve essere ricca di fibra (fieno, erba e verdura) per evitare nell'animale problemi gastroenterici. Alimentare il coniglio con cibi sbagliati come ad esempio pane, biscotti, grissini, pasta, cereali, cioccolato, dolci può causare al coniglio gravi problemi di salute: malocclusione dentale, blocchi gastrointestinali, enteriti, obesità o calcoli che porterebbero alla morte il coniglio.
La fibra alimentare ed una buona quantità di moto giornaliero stimolano la giusta digestione del coniglio nano.
Erbe di campo e fieno sono gli alimenti ideali e forniscono al coniglio tutto ciò di cui necessita.
Personalmente do al mio coniglietto tanta verdura fresca, sedano soprattutto (ne va matto) insalate e carote, inseme a del pellet di qualità.
Il fieno non glielo faccio mai mancare.
Se abitate in campagna potete anche raccogliere erba fresca, il vostro amico pelosetto vi ringrazierà.
Sistemazione:
Fondamentale è dire che se avete intenzione di prendere un coniglio, non dovete prendere in considerazione il fatto di tenerlo in gabbia, il piccolo ha bisogno di uscire e scorrazzare pe la stanza, il coniglio ha bisogno di muoversi liberamente, in caso contrario andrebbe incontro allo sviluppo di gravi patologie fisiche e mentali che porterebbero l'animale a sofferenza e morte!
Il coniglio può tranquillamente essere tenuto in casa libero proprio come un gatto o un cagnolino.
Per altre informazioni, facciamo come sempre, voi mi scrivete ed io vi risponderò.
P.s. grazie a tutti voi per i commenti e l'affetto che dimostrate seguendo il mio blog.
Un saluto.
Francesco.